Eight Of Spades – Ten Years Of Fucking Rock ‘N Roll

Self Released, 2016

Eight Of Spades band members
Eight Of Spades
http://www.unpure.it/eight-of-spades-ten-years-of-fucking-rock-n-roll/

Come si intuisce dal titolo, abbiamo qualcosa da celebrare: era il lontano 2006 quando quattro tipacci dell’area parigina produssero il loro primo full-lenght, Look In My Eyes. Dieci anni dopo decidono di festeggiare in grande stile, con questo Ten Years Of Fucking Rock ‘N Roll, che non è – come invece spesso accade in questi casi – un greatest hits, una rimasterizzazione, una nuova registrazione di pezzi vecchi ecc, ma un vero e proprio nuovo full-lenght.

La band si è scavata un rispettabile posto in quel filone prettamente americano di rock ‘n roll sporco e spinto, con influenze che vanno dall’hardcore all’heavy metal anni ’80 e ’90, ponendosi a fianco di gruppi come i Nashville Pussy e come, ovviamente, i Motörhead.

Da questi ultimi in realtà prendono molto, e se già non si può evitare che la mente da “Eight Of Spades” vada ad “Ace Of Spades“, ascoltando i quattro di Parigi ci si rende conto che questo è, evidentemente, voluto.

Ci troviamo infatti grossomodo dinanzi ad una semantica, ad una estetica, ad una sintassi musicale molto simile a quella dei Motörhead, persino nella voce notiamo una quasi paradossale similitudine. Non mancano ovviamente influenze esterne, anche legate alle proprie origini, e così in molti brani troviamo elementi collegabili alla tradizione dello street punk ( o Oi!), quali le parti corali e basi ritmiche alla cori da stadio.

Il dato che ci ha sorpreso maggiormente è a questo punto quella della diffusione oltre-continentale di uno stereotipo divenuto ormai mito, o forse di un mito scaduto nello stereotipo, cui gli Eight Of Spades tra gli altri cercano di dare nuova linfa, nuovo fulgore, nuova legittimità: quello del biker, il motociclista iper-tatuato col gilet di pelle, libero rude e menefreghista, che corre sulla Route 66 e si ferma a bere pessimo whisky in bettolacce di legno, finendo in scazzottate (e probabilmente carrettate di malattie veneree).

Insomma, dieci tracce cariche e pregne d’energia liberatoria che si fanno ascoltare piacevolmente, ma nonostante il gruppo abbia una sua storia ed identità, il godere di quest’album crediamo dipenda dalla risoluzione di un dilemma squisitamente concettuale, ossia in che punto poniamo la linea che separa la similitudine e l’omaggio dal copiare: se decidiamo che gli Eight Of Spades stanno al di qua della linea, troveremo un full-lenght senza incredibili innovazioni, ma capace di darci una buona dose di carica e divertimento; se decidiamo che stanno dall’altra parte, lo stesso album potrebbe non dirci e non darci quasi nulla, ed ai più intransigenti potrebbe anche risultare fastidioso.

A noi è piaciuto, ma per goderne appieno forse bisogna considerarlo per quel che è, senza pensare al contesto o a molto altro: un album di buona musica.

Voto: 6,5/10

Immagini musicali

One Beer Baby: Per un brano (ed un gruppo) del genere credo che, onde evitare banali connessioni, la scelta migliore sia un montaggio dei live della band, magari alternati a vari momenti alcolici dietro le quinte, e per le strade ed i pub di Pagiri.

Eight Of Spades - Ten Years Of Fucking Rock 'N Roll cover alcum
Eight Of Spades – Ten Years Of Fucking Rock ‘N Roll

Tracklist

01 – One Beer Baby

02 – Blood And Sweat

03 – The Dead Man’s Hand

04 – Psycho

05 – My Last Trip

06 – Go!

07 – Angry Life

08 – Ten Years Of Fucking Rock ‘N Roll

09 – Under My Skin

10 – Family

Websites

Facebook

Myspace

Eight Sins - Serpents
Sharks In Your Mouth - Promises

Commenta

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.


*